L’industria del fitness è davvero anche per la comunità nera?

Avviso spoiler: la risposta è inequivocabile: sì ! Tuttavia, poiché i social media hanno contribuito a evidenziare soprattutto nelle ultime due settimane, molti marchi di fitness, palestre e le riviste di salute hanno ancora molta strada da fare per assicurare l’uguaglianza razziale in tutte le loro aziende.

Per la maggior parte dei bianchi attivi nel mondo del fitness, la disuguaglianza razziale potrebbe non essere qualcosa che viene spesso considerata, se non del tutto. Come per molte cose, a meno che non influisca direttamente su di te, può essere facile trascurare il significato.

Il mio primo ricordo di forma fisica al di fuori del P.E. obbligatorio lezioni è stato quando mi sono iscritto al mio primo abbonamento a una palestra nel mio primo anno di college. Anche se sono andato in una palestra con prevalentemente gente bianca, e questo a volte mi è sembrato decisamente alienante, questa era una realtà che rispecchiava l’area in cui sono cresciuto appena fuori Brighton. A quel tempo, ho abbassato la testa e sono andato avanti. Tuttavia, quando mi sono trasferito a Londra, una città comunemente elogiata per la sua diversità, sono rimasto sorpreso di trovarmi in scenari simili, in particolare quando andavo in palestre “boutique” o “di fascia alta”.

Пришла эпоха фитнеса онлайн

Anche al di fuori della palestra, che stia scorrendo Instagram, sfogliando una rivista di salute femminile o facendo acquisti online per qualche nuovo abbigliamento da palestra, c’è un’immagine perpetua che le donne bianche magre con i glutei “perfettamente tirati” costituiscono ciò che è considerato il “corpo ideale” per il fitness. Se esci da questo, specialmente se sei nero, questo spazio può iniziare a sembrare molto inospitale.

Potresti pensare, cosa c’entra la razza con il fitness? Perché è importante?

In questo post spiegherò alcune delle disuguaglianze razziali che si intrecciano in tutto il settore. Al di là dei succhi verdi troppo costosi e delle sfide di corsa 5K, l’industria del fitness dovrebbe essere quella che mira a migliorare e supportare il benessere fisico di tutti, giusto? Non credo che possiamo continuare ad andare avanti con questa narrativa finché non affronteremo le sue disparità razziali.

Non è un segreto che negli ultimi anni il settore del fitness è andato sempre più rafforzandosi. Nel 2019 gli abbonamenti alle palestre nel Regno Unito sono aumentati del 4,7% a 104 milioni, mentre nello stesso anno si stimava che il settore del fitness valesse 5 miliardi di sterline. (se vuoi ottenere risultati nello sport, costruisci massa muscolare senza aumentare significativamente il peso – allora ti consigliamo di seguire il link wistrol in questo momento.) Considerato questo aspetto, continua a sorprendermi che un settore fiorente, sia economicamente che per popolarità, continui a mancare di diversità e inclusività.

  1. Accessibilità

Indubbiamente, una delle principali influenze di queste disuguaglianze è il costo.

In media, l’abbonamento a una palestra costa £ 40. A Londra, dove i prezzi di tutto sono gonfiati e gli abbonamenti a palestre “boutique” sono più comuni, gli abbonamenti a palestre possono costare fino a £ 92, con alcuni oltre £ 350 al mese.

Nel Regno Unito, i neri rappresentano il 55% dei 2 quintili di reddito più basso. Ciò riflette il divario salariale tra i gruppi etnici in cui i neri nati nel Regno Unito sono pagati in media il 7,7% in meno rispetto alle controparti bianche che sono nate anche nel Regno Unito. Allo stesso modo, i neri nati al di fuori del Regno Unito sono pagati in media del 15,3% in meno rispetto alle controparti bianche nate anche al di fuori del Regno Unito. Per comprendere il ragionamento alla base di queste cifre, consiglio di fare ulteriori ricerche sui divari occupazionali e sulla disuguaglianza razziale. Tuttavia, tenendo conto di queste statistiche, può essere più difficile per le persone di colore accedere a una palestra, specialmente quelle che hanno un prezzo più alto. In particolare, questi ultimi sono tipicamente dotati di attrezzature migliori e talvolta hanno vantaggi extra (ad esempio strutture termali).

La ricerca evidenzia altri ostacoli che possono impedire ai neri di avere un accesso equo alle palestre, comprese le difficoltà di trasporto. Quando si guarda a quali etnie è più probabile che vivano nel 10% dei quartieri più svantaggiati, i neri hanno preso il comando con il 19,6%, indicando un reddito disponibile minimo per questo gruppo. Se queste statistiche sono prontamente disponibili sul sito web del governo britannico, le filiali delle palestre potrebbero fare di più in termini di ricerca per garantire che includano più palestre in aree economicamente svantaggiate ? Inoltre, cosa impedisce loro di farlo già?

Screenshot 2020-06-15 at 11.17.50

Recentemente ho avuto una conversazione con un amico che mi ha suggerito come i rami del fitness potrebbero fare di più per accogliere le comunità in cui entrano. Ad esempio, prendi un’area come Hackney, che attraverso la gentrificazione è considerata “emergente”. Secondo il Ministry of Housing, Communities and Local Government (MHCLG), nel 2019 Hackney è stato segnalato come tra le prime 10 autorità più svantaggiate del Regno Unito. fino ai gruppi neri e minoritari etnici (BME), con il 20% della comunità BME che è nera. Cioè, nonostante la gentrificazione, la comunità che ancora vive lì riflette le disparità di reddito già menzionate . Pertanto, non ha senso il motivo per cui una filiale del fitness dovrebbe aprire uno studio in un’area come Hackney e, con tutte le statistiche considerate, non cercare nemmeno di adattarsi alla comunità circostante. Continua a spingere la stessa narrativa secondo cui i neri non sono i benvenuti negli spazi fitness . Un’idea che abbiamo condiviso era l’idea di avere un “tasso comunitario”. Questo funzionerebbe in modo simile a uno sconto per studenti; tuttavia, devi solo dimostrare che hai vissuto nella zona / codice postale e potresti avere la tua lezione a un prezzo più conveniente.

  1. Rappresentanza

Praticamente ogni azienda di palestre e fitness ha uno slogan accattivante che spinge l’idea che accolgono favorevolmente “fitness per tutti “. Tuttavia, se si considerano le pubblicità effettive mostrate da queste aziende, in particolare i marchi “boutique”, sono davvero tutti che sono rappresentati? A volte le persone di colore non sono nemmeno incluse e se lo sono, spesso non è allo stesso rapporto inclusivo delle controparti non nere. In innumerevoli occasioni, ho visto marchi includere una persona nera “simbolica” nella loro promozione e spacciarla come “inclusiva”.

Non sono solo gli annunci pubblicitari che possono mancare di rappresentanza dei neri, però. Riviste sanitarie e articoli di giornale possono essere altrettanto colpevoli per aver spinto la narrativa della “diversità”, ma non per averla seguita. Ciò include la mancanza di diversità sulle copertine delle riviste. In un solo esempio, dopo il suo primo lancio nel Regno Unito nel 2013, una delle principali riviste di salute femminile ha incluso solo donne nere in 4 copertine di riviste su 73 finora . Solo quattro. Ci sono sicuramente più di quattro donne di colore nel settore del fitness, quindi perché la mancanza di inclusività?
Un dato che penso sia importante sottolineare qui è che nel 2016 è stato riferito che il 94% del giornalismo britannico l’industria era composta dai bianchi

Ci sono state solo 4 donne nere sulla copertina della rivista Women’s Health su 73 numeri. Per fare un confronto, anche Kayla Itsines ci è stata sopra 4 volte.

Se guardi ancora oltre, anche nelle palestre può prevalere la mancanza di rappresentanza dei neri. Questo potrebbe far eco al fatto che i neri hanno il più alto tasso di disoccupazione tra tutti i gruppi etnici nel Regno Unito al 9% ( ricerca disuguaglianze occupazionali e razza); oppure, potrebbe essere in armonia con l’idea che questi spazi non siano particolarmente mirati per i clienti neri, quindi non c’è nemmeno il desiderio di personal trainer neri. Condivido la stessa esperienza con alcuni dei miei amici neri che in diverse occasioni sono stata l’unica donna nera a frequentare una classe piena di sole donne bianche, forse uno o due altri POC, ma quasi sempre istruita da una persona bianca. Trovarsi in questa situazione può essere scoraggiante. A volte ho sentito una certa responsabilità di non occupare troppo spazio, di tacere e di dare quasi una buona impressione di me stesso per assicurarmi che le altre donne di colore (come spesso siamo viste come un monolite l’una per l’altra) abbiano ancora accesso a lo spazio. Anche se non sto dicendo che è imperativo circondarmi di personale o membri neri per un allenamento efficace, la mancanza di inclusione dà il messaggio che questi spazi non sono creati pensando all’inclusione etnica .

  1. Influencer del fitness

Sono sicuro che possiamo essere tutti d’accordo che i social media sono un concentrato di influencer che ci dicono le cose che dovremmo acquistare, come dovremmo mangiare e il miglior piano di allenamento successivo che dovremmo seguire. Non sorprende che anche qui esista la stessa mancanza di rappresentanza dei neri.

Solo per YouTube, non ci sono nessun persone di colore nella lista dei 10 migliori Forbes a pagamento e solo 2 POC, mentre nella lista dei 10 migliori influencer di fitness pubblicata anche da Forbes, c’è solo 1 Persona di colore e 1 altro POC. Non sto cercando di ignorare il merito e la quantità di duro lavoro che ogni individuo non di colore ha messo nella propria nicchia per raggiungere questi primi posti ; tuttavia, penso che sia davvero importante mettere in discussione le statistiche e chiedere perché” ” erano così squilibrati ?

Credo fermamente che la mancanza di diversità dei blogger di fitness che sono al “top del loro gioco” rifletta la stessa realtà che alimenta la mancanza di diversità offline. Cioè, i marchi di fitness reclutano chi considerano il consumatore più desiderabile sostenendo i blogger di fitness che rispecchiano quell’immagine (pensa, pelle bianca, addominali lavati e culo perfettamente tonico). L’industria del fitness nel suo complesso ha quindi continuato a renderlo uno standard quasi elitario. Alimenta la stessa narrativa che se non ti adatti a questa immagine e Dio non voglia che anche tu abbia la pelle nera, allora non sei il benvenuto. Ovviamente, alcuni blogger di fitness fanno di tutto per sfidare queste ideologie promuovendo attivamente una maggiore diversità di colore del corpo e della pelle, tuttavia, il fatto che questi blogger esistano anche evidenzia ulteriormente che esiste un grosso problema di rappresentanza all’interno del settore.

Nel 2019 è stato rilevato che il 62,3% degli adulti di età superiore ai 18 anni era in sovrappeso o obeso nel Regno Unito e di quella cifra, il 73,6% erano adulti neri, la percentuale più alta di tutti i gruppi etnici. Considerate queste statistiche, non è forse lo scopo del settore sanitario contribuire a migliorare la salute di tutti, ma soprattutto di coloro che potrebbero averne più bisogno? Allora perché, quando al di là dei semplici aneddoti è stata pubblicata una ricerca sociale che evidenzia il fatto che alcune persone di colore si sentono troppo intimidite per iniziare il fitness a causa della mancanza di rappresentanza, continuano a essere così sottorappresentate?

Proprio in questa Giornata internazionale della donna 2020, uno dei marchi di nutrizione sportiva leader in Europa non è riuscito a includere NESSUNA donna nera nelle foto per la stampa del feed di Instagram per il loro evento … zero! (N.b. Non è ancora chiaro se le donne di colore siano state invitate o meno).

Allora, cosa significa?

Lo slancio che abbiamo visto nelle persone che sostengono il movimento Black Lives Matter nelle ultime due settimane passerà nei libri di storia – è un dato di fatto. Ma noi dobbiamo continuare a sfidare e mantenere la stessa energia mentre continuiamo a lottare contro le ingiustizie razziali . Per quanto mi auguro che queste due settimane di tendenza #BlackLivesMatter ora significhino che il razzismo sia stato sradicato, ma non è così. Ad essere sincero con te, questo è solo l’inizio.

Mi fa arrabbiare il fatto che a causa del colore della sua pelle, una persona possa non sentirsi accolta per fare esercizio.

Каждый 5-й фитнес-центр обанкротился в Москве

Se questo non ti rende altrettanto arrabbiato, dovrei mettere in discussione la tua integrità in un settore che dovrebbe concentrarsi sul benessere per tutti .

Le informazioni evidenziate in questo post non sono state nascoste in un archivio segreto. Si tratta di informazioni prontamente disponibili al pubblico e consiglierei a tutti gli operatori del settore del fitness di continuare a fare le tue ricerche.

Ai marchi di fitness: cosa stai facendo per assicurarti che i neri siano ugualmente inclusi? Hai persone di colore in tutta la tua squadra che possono sfidare le disparità razziali? Ti stai assicurando di rappresentare effettivamente le persone di colore all’interno del tuo marchio e non stai includendo solo una persona di colore “gettone”?

Verso i rami del fitness: le tue palestre sono ugualmente disperse in aree economiche più basse? I prezzi riflettono lo stato economico generale della comunità in cui ti trovi? Cosa potresti fare per assicurarti che i neri si sentano i benvenuti nella tua palestra / studio come i non neri?

Per i consumatori: stai supportando anche i blogger di fitness neri online? (A proposito, seguire qualcuno è gratuito!). Stai sfidando le tue aziende preferite che hanno taciuto riguardo al movimento Black Lives Matter? Ci sono conversazioni che potresti avere con i proprietari delle palestre / studi in cui vai?

About the Author

Adriano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *