Crema solare adatta alla barriera corallina

Con l’arrivo dell’estate, diventa sempre più importante prendersi cura della nostra pelle. Mentre fino a 20 minuti al sole senza protezione sono ottimi per raggiungere i nostri livelli raccomandati di vitamina D, troppo tempo al sole può causare danni alla nostra pelle, sia immediatamente (ustioni, macchie solari) che a lungo termine (rischio elevato di cancro della pelle , rottura dell’elasticità, rughe, ecc.).

Molte persone consigliano di indossare la crema solare tutto l’anno, anche nei giorni nuvolosi (poiché fino all’80% dei raggi UV può passare attraverso la copertura nuvolosa), ma con circa il 25% degli ingredienti nella crema solare che applichiamo finisce nei nostri corsi d’acqua , qual è l’impatto ambientale di questo?

Prima di tutto, come funzionano i suncream?

I filtri solari hanno una delle due “modalità di azione”. I filtri solari chimici assorbono le radiazioni ultraviolette come una spugna, mentre i filtri solari minerali contenenti biossido di titanio o ossido di zinco le riflettono dalla superficie della pelle come uno specchio.

Qual è il migliore?

Entrambi possono funzionare bene, ma il secondo è migliore per l’ambiente. La dermatologa dott.ssa Catherine Borysiewicz afferma:

sono efficace come i filtri solari chimici, ottimo per le persone con pelle sensibile o malattie infiammatorie della pelle come l’eczema e più gentile con la vita marina “, dice. “Sono passati di moda perché tendevano a lasciare uno strato bianco gessoso sulla pelle, ma stanno lentamente diventando di nuovo più popolari.”

Quali sono gli ingredienti problematici?

Si è scoperto che alcune sostanze chimiche, presenti in molte correnti solari tradizionali, sono dannose per i corsi d’acqua e gli ecosistemi marini. L’ottinoxato e l’ossibenzone sono stati collegati allo sbiancamento dei coralli, diminuendo attivamente le difese dei nostri fragili coralli contro i cambiamenti climatici e riducendo la loro capacità di riprodursi e propagarsi.

La ricerca suggerisce che le barriere coralline delle Hawaii sono esposte a 6.000 – 14.000 tonnellate di crema solare ogni anno, portando l’isola a vietare le creme solari contenenti Octinoxate o Oxybenzone, che entreranno in vigore il 1 ° gennaio 2021. Questi ingredienti non sono solo dannosi per i coralli, tuttavia, sono stati anche collegati a disturbi endocrini negli esseri umani, poiché possono muoversi attraverso la pelle e imitare gli ormoni nel corpo, danneggiando lo sperma e gli ormoni riproduttivi.

Allora cosa possiamo fare?

Capire perché alcuni ingredienti sono dannosi e scegliere di evitarli è la cosa migliore che possiamo fare per limitare l’impatto della nostra crema solare. Evita anche gli aerosol, poiché la maggior parte di questi non arriva sulla pelle, ma ricopre tutto intorno, compresi i polmoni. Scegliere di indossare indumenti protettivi per limitare la quantità di crema solare che usi non solo consente di risparmiare denaro, ma aiuta anche a proteggere l’ambiente.

Haereticus Environmental Laboratory pubblica inoltre ogni anno un elenco di quali filtri solari sono sicuri per l’ambiente e l’Environmental Working Group valuta i prodotti con valori SPF – compresi circa 650 filtri solari e 250 creme idratanti – sul loro impatto ambientale.

Questi sono i miei tre marchi e prodotti preferiti che cerco di acquistare ogni volta che ho bisogno di crema solare. Potremmo non andare in vacanza a breve, ma il sole è lo stesso in tutto il mondo, quindi non pensare che sia più debole solo perché nel Regno Unito è più fresco rispetto alle tue solite destinazioni di vacanza! Quindi fai scorta e fammi sapere cosa ne pensi di questi preferiti.

REN SPF 30

renskincareuk-clean-screen-mineral-spf-30-12804470931498_1024x1024

Questa è la crema solare che uso ogni mattina sul viso se passo del tempo all’aperto. È uno dei pochi che ho scoperto che è davvero opacizzante (mi piace la rugiada, ma c’è un limite!), E REN prende davvero sul serio le sue credenziali ambientali. La bottiglia è realizzata con plastica riciclata ed è completamente riciclabile, e il prodotto è vegano e cruelty free, senza ingredienti dannosi per l’ambiente. Non posso raccomandarlo di più come crema solare per il viso!

Tropic Great Barrier SPF 50

Screenshot 2020-05-31 at 11.18.31

L’intera gamma di Tropic è certificata resistente alla barriera corallina, vegana, cruelty free e ha incentivi anche per la restituzione degli imballaggi, per aumentare la circolarità. Il marchio è carbon neutral e invia pochissimi (se del caso) rifiuti in discarica), anche se non sono riuscito a vedere se il loro imballaggio è stato riciclato o meno. Avendo già utilizzato gli altri loro prodotti (sebbene non questo), posso consigliarlo vivamente!

Green People SPF 30

23e17bf6-fd51-4af2-a7c8-e965c7330bec.__CR117,0,702,936_PT0_SX300_V1___

I Green People utilizzano imballaggi a base vegetale, a emissioni zero, completamente riciclabili e 30 centesimi di ciascuna delle loro vendite vanno alla Marine Conservation Society, un ente di beneficenza del Regno Unito che protegge i nostri oceani e la fauna selvatica. Questa crema solare è ovviamente certificata anche come barriera corallina. La sua consistenza richiede un po ‘di tempo per abituarsi, soprattutto se la crema solare è fredda, e se sei abituato a creme solari piacevolmente profumate potrebbe essere un po’ strano, dato che non ha profumi. Comunque fa il lavoro – io non si sono mai bruciati con questa crema solare e adoro anche il loro doposole e la protezione quotidiana (SPF 15)!

About the Author

Adriano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *